CHI SONO

LE MIE FOTO… LE MIE EMOZIONI

 

 

 

Mi chiamo Jenny Guarnieri e la mia passione è viaggiare.

A questa se n’è aggiunta un’altra, tanti anni fa… La fotografia.

Ho iniziato col fare foto “classiche” fin dai primi viaggi e a mano a mano, riguardando le foto scattate,  mi sono accorta che in mezzo alle tante, ce n’erano alcune che esprimevano un momento di vita. Un viso assorto o sorridente, un momento di scambio ad un mercato, una mano che lavora… Momenti che, solo dopo averli catturati e riguardati, scopri che ti regalano emozioni.

Non essendo una brava oratrice, ho cercato un modo per esprimere al meglio quello che avrei voluto comunicare e allo stesso tempo catapultare, chi sta guardando le mie foto, nella scena e nel luogo in cui mi trovavo al momento dello scatto.

Gli scatti che preferisco sono i momenti di vita delle persone, delle loro espressioni, dei loro occhi, delle loro rughe cresciute nel tempo. E la voglia di vedere tutto questo, mi ha portato a visitare e fotografare luoghi come l’Africa, ad esempio il Kenya, il Sudafrica e le Cascate Vittoria, il Marocco, la Tunisia, l’Egitto in tutto il suo immenso splendore storico e il Madagascar con i suoi giganti… I Baobab.

Mi sono tuffata nelle azzurre acque delle Maldive, immergendomi nei colori marini più belli del mondo. Ho sfidato il freddo e i ghiacci della Groenlandia, un paese dalle sfumature meravigliose create dalla luce del sole e dagli immensi iceberg che la vivono. 

Ho visto l’alba più emozionante della mia vita in Cappadocia (Turchia) a bordo di una mongolfiera.

In Nuova Zelanda ho lasciato il cuore, il mio paese preferito fin da bambina… Un paese attaccatissimo e rispettoso alla tradizione e al culto Maori. 

I paesi del Nord Europa, la Norvegia e la Finlandia, freddi ma allo stesso tempo pieni di natura da vivere come l’Islanda e le Vestmannajer, isole dei quattro segni zodiacali…  Ghiaccio, Acqua, Fuoco e Terra.

Ho messo alla prova me stessa, arrivando a piedi fino al passo carrabile più alto del mondo (5603 mt) in Ladakh sull’Himalaya, e ci sono riuscita! 

Insomma… Non si possono descrivere le emozioni. Posso solo farvele vivere!

E poi…Viaggiate. Vedrete come vi arricchirete!